arkytec | 360°
CHI SIAMO
a 360

ARKYTEC | 360° - SPM

Rete di professionisti e imprese    


a 360° nel ciclo di vita dell'opera

Uniti in rete per partecipare a costruire il futuro di città e territori connessi nella Smart City, e supportare i portatori di interessi nella transizione digitale

come partecipare alle gare

Prodotti e Servizi a 360° con al centro il project management


Abbiamo riunito in arkytec | 360° - SPM, un collettivo di architetti, designer, ingegneri, geologi, geotecnici, ricercatori ed altri professionisti non ordinistici per lavorare insieme nell’edilizia 4.0 e sviluppare i criteri innovativi del paradigma 5.0: la centralità dell’utente.



edilizia 4.0

Le discipline

Collegando menti e processi aiutiamo Imprese, Progettisti, Investitori e Pubbliche Amministrazioni nel Ciclo di Vita di Opere Pubbliche e Private

gestione progetti milano

Project & Innovation

La disciplina che, gestendo programmi e progetti, complessi e innovativi, attraversa e guida ogni fase del Ciclo di Vita dell’Opera verso gli obiettivi, apportando la Visione dall'Alto e selezionando le tecnologie. 



progettazione milano

Design

Esegue la ricerca e sviluppo, servizi di architettura e ingegneria, software,  marketing e creatività, alla base della costruzione e manutenzione di qualsiasi progetto complesso (infrastruttura, immobiliare).


gestione appalti milano

Construction

La disciplina che supervisiona l'attività eseguita dalle imprese, edili e impiantistiche, che realizzano / ristrutturano l’Opera, intervenendo nel processo di costruzione dei diversi layer che compongono la Smart City.


gestione edifici milano

Real Estate

L’attività di gestione del patrimonio immobiliare e di Assets fisici, diretta alla valorizzazione e ottimizzazione di redditività, mantenendone l’efficienza

nel tempo, mitigando i rischi e ottimizzando i costi.

Il Ciclo di Vita dell’Opera è il periodo temporale nel quale l’immobile, o l'infrastruttura, è in grado di fornire i benefici per cui è stata realizzata, nel rispetto dei parametri prefissati.

01.

Chissà quanto costa?

quanto costa

Tutti i moduli sono scalabili, secondo una strategia personalizzata

Lavorando con una rete di partner dinamici, in Italia e all’estero, siamo in grado di applicare: conoscenze-abilità-competenze internazionali per inserirle a livello locale, integrando tra loro la solidità delle opere del Genio Civile, la “digital trasformation” dell'ICT e le qualità per accelerare lo sviluppo sostenibile ambientale-sociale-economico.

Principali Vantaggi per il Cliente


  • Unico interlocutore
  • Attenzione alla fase progettuale per ridurre tempi, costi, rischi varianti e riserve
  • Apporto delle migliori tecnologie 4.0 per ridurre tempi e costi
  • Supervisione a 360° nella gestione dei progetti e cantieri
  • Interventi innovativi e di qualità alla portata di tutti

  • Ottieni il credito d'imposta del 20% sulla nostra consulenza e servizi

02.

rete a 360°?


Abbiamo eliminato l' "io" per il "noi"


Abbiamo riunito in arkytec | 360° - SPM, un collettivo di architetti, designer, ingegneri, geologi, geotecnici, ricercatori ed altri professionisti non ordinistici per lavorare insieme nell’edilizia 4.0 e sviluppare i criteri innovativi del paradigma 5.0: la centralità dell’utente.


Un network di professionisti altamente qualificati con esperienza nella fornitura di servizi di consulenza per i settori delle infrastrutture, dell'ambiente edificato, e lo sviluppo sostenibile, che copre la maggior parte delle esigenze di gestione, progettazione e costruzione.


03. arkytec?

Unire la tutela dell’ambiente in cui viviamo e l’innovazione tecnologica alle attività di progettazione, costruzione e gestione: è questa la vera sfida che ha ispirato il nostro nome.

SDGs
architettura sostenibile

ar - come architettura


L'architettura è la matrice che modifica l'ambiente e la sua estetica. Il suo scopo è creare opere di tecnologia e intelligenza umana, modellando ed integrando il territorio ed il paesaggio, con luoghi e infrastrutture per il benessere dell'uomo.


transizione ecologica

ky - come Kyoto


La città in cui è stato siglato il "primo" protocollo che fissa obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) vincolanti e quantificati. Obiettivi presenti nelle attività di gestione progetti e di ricerca e sviluppo nella transizione ecologica, andando oltre allo scopo di lucro e verso finalità di beneficio comune.

transizione digitale

tec - come tecnologia


L’innovazione tecnologica non è più una sovrastruttura accessoria al servizio del progetto, ma elemento fondamentale. La transizione digitale è la colonna centrale di un processo di cui fanno parte numerosi attori, non più solo il progettista e la committenza.

05.

Smart Project Management

Aiutiamo le organizzazioni a coordinare, realizzare e portare al successo e raggiungere gli obiettivi dei progetti complessi e innovativi.


Siamo consapevoli che ogni obiettivo del progetto deve aderire ai criteri SMART per essere efficace.


Quando pianifichiamo e controlliamo gli obiettivi di un progetto, ciascuno dove essere:

  1. Specifico: l'obiettivo dovrebbe mirare a una specifica area di miglioramento o rispondere a un'esigenza specifica
  2. Misurabile: l'obiettivo deve essere quantificabile, o almeno consentire progressi misurabili
  3. Raggiungibile: l'obiettivo dovrebbe essere realistico, basato sulle risorse disponibili e sui vincoli esistenti
  4. Rilevante: l'obiettivo dovrebbe essere in linea con altri obiettivi interi ed esterni per essere considerato utile
  5. Limitato nel tempo: l'obiettivo deve avere una scadenza o una fine definita
obiettivi SMART

Consiglio

Direttivo

COSTRUIAMO IL FUTURO

Dal Green Deal Europeo alle azioni in Innovazione, Sostenibilità, Salute e Sicurezza

Associamo all'attività di gestione e guida dei progetti, uno o più segmenti operativi di progettazione, costruzione e gestione degli investimenti, impegnando risorse nello stesso progetto per trasformare e migliorare i territori, perseguono volontariamente, nell’esercizio dell’attività, oltre allo scopo di lucro anche più finalità di beneficio comune nei confronti di persone, comunità, territori, ambiente ed altri portatori di interesse.

Lavoriamo per costruire luoghi per il benessere dell'uomo e dell'ambiente


10 MOTIVI PER FARE RETE



Lavoriamo in squadra per raggiungere i successi


I progetti sono sempre più complessi e serviva un nuovo modello di collaborazione.


Realizzare un progetto comporta la necessità comunque di interfacciarsi con varie persone e costruire il Team adeguato col fine di raggiungere gli obiettivi in comune e verificare i criteri che determinano il successo dell’iniziativa. 


PRINCIPALI VANTAGGI

  • Conosciamo i motivi che hanno portano al fallimento i progetti in passato e agiamo per eliminarli
  • Siamo multidisciplinari
  • Apportiamo una visione dall'alto oltre alle competenze verticali specialistiche
  • Affidabilità e Impegno
  • Digitalizzazione e cantieri 4.0
  • Riduzione Tempi, Costi, Rischi e incremento della qualità
a360

FAQ

APPALTI E CICLO DI VITA DELL'OPERA

Ecco le riposte alle domande più frequenti.

Cos' è un appalto?

L'appalto, pubblico o privato è il contratto a titolo oneroso, stipulato per iscritto tra un Committente e uno o più operatori economici, avente per oggetto l'esecuzione di lavori, la fornitura di prodotti, la prestazione di servizi.


Cos' è una gara d'appalto?

La gara d'appalto è una procedura  alla quale la Pubblica Amministrazione, o Il Committente Privato, ricorre quando deve realizzare delle Opere, o acquistare Servizi o Forniture per selezionare l'esecutore.

Cos'è un'Opera

Un’Opera, Pubblica o Privata, è intesa come immobile o infrastrutture, ovvero l'Asset fisico di proprietà di un'azienda o di un privato che possa essere monetizzato e usato.

Cos'è il Ciclo di Vita dell'Opera

Il Ciclo di Vita dell’Opera, Pubblica o Privata, è il periodo temporale nel quale l’Asset, è in grado di fornire i benefici per cui è stata realizzata, nel rispetto dei parametri prefissati.


Perchè importante il CDVO?

La valutazione del ciclo di vita e della manutenibilità delle opere è importante perche infrastrutture ed edifici devono soddisfare dei fabbisogni della collettività, presenti e delle future generazioni.

Chi definisce gli obiettivi e strategie?

Il proprietario dell'Opera definisce gli obiettivi, le strategie che il RUP / RdI devono inserire nel  programma pluriennale per mantenere alto il valore e soddisfare i fabbisogni nel tempo.

Chi ne è responsabile?

Il responsabile unico del procedimento (nel seguito RUP) nell'ambito dei contratti pubblici di lavori o il responsabile dell'Investimento (in seguito RdI) sono gestori di progetti orientati, oltre che agli obiettivi consolidati di tempi, costi e qualità, anche ad obiettivi legati alla sicurezza e alla manutenzione e, quindi, in un'accezione di più ampio respiro, a obiettivi tesi a garantire la collettività circa la sostenibilità dell'opera nel tempo.

In tal senso, il RUP o il RdI, opera all'interno di un ciclo di vita molto lungo che tende a sovrapporsi, per durata, al ciclo di vita dell'opera e, quindi, assumendo un orizzonte temporale maggiore rispetto agli altri tipi di appalto edile-impiantistico.


Parliamo di programma?

In un certo senso si può considerare che il "programma" per il RUP / RdI sia di garantire che la l'Asset fisico (l'opera costruita attraverso la quale la Pubblica Amministrazione eroga dei servizi alla comunità di riferimento o il Privato per se stesso o terzi) svolga la sua funzione come e quanto richiesto durante il ciclo di vita previsto per l'opera.


E' una innovazione ?

Lo spostamento dell’obiettivo dal Costo attuale di una opera a quella della valutazione nel Ciclo di Vita e l'uso della tecnologia sono la vera chiave innovativa.


Ma aumentano i costi?

Molto spesso andare ai processi più innovativi 4.0 può inizialmente far pensare a qualche costo in più ma poi se usiamo per un impianto di edificio, a titolo di esempio, più elettronica (oggi a vita quasi infinita) che meccanica con affidabilità molto più bassa, otteniamo costi minori nel lungo termine  anche con un costo iniziale maggiore.

Un esempio nelle infrastrutture?

Pensiamo a un ponte TAV o Autostradale controllato da un centinaio di sensori strutturali nei nodi fondamentali la cui misura, riportata a un centro di controllo, verifica ad ogni passaggio del treno o di mezzi, lo stato del ponte, riducendo di gran lunga i tempi, i rischi e i costi di manutenzione, aumentando la sicurezza e i benefici ambientali.


Va ripensata la progettazione?

Aumentando la qualità della progettazione, grazie al Building Information Modeling (BIM), alle conoscenze di Gestori della costruzione e del costruito, all'integrazione di Sensori e IoT, si riducono i rischi di Varianti e riserve in fase costruttiva, di difetti in fase di gestione e i rischi nel lungo periodo,

con evidenti benefici in termini di durabilità, sicurezza e sostenibilità ambientale ed economica.

Cos'è la gestione di un progetto?

Se immaginiamo il Ciclo di Vita dell'Opera come un programma, ogni fase del programma si realizza in fasi. Ogni fase è un progetto che deve essere gestito.

Quali sono le fasi / progetti principali nel Ciclo di Vita dell'Opera?

Le fasi del Ciclo di Vita dell'opera Pubblica o Privata (CVOP) sono: concept (programmazione), definizione (sub-fasi progettuali), realizzazione e rilascio (esecuzione e postuma decennale), esercizio (manutenzione e gestione), dismissione (vendita, abbattimento o riconversione).

Chi gestisce un progetto?

La principale responsabilità di un project manager è tradurre la strategia del RUP/RdI in singoli progetti che raggiungano gli obiettivi prefissati. Ciò include l'organizzazione, la pianificazione, il monitoraggio e la supervisione all'esecuzione.


Chi esegue un progetto?

L'esecuzione è una attività verticale, ed in relazione alla fase del programma può essere affidata a soggetti diversi. I più noti:

1. Advisor -> consulenti

2. Studio di Fattibilità -> progettisti

3. Progetto definitivo ed esecutivo -> progettisti

4. Costruzione -> imprese

5. Esercizio -> Asset & Facility Manager

Ma l'innovazione 4.0?

Se vi siete posti questa domanda, avete notato che non l'abbiamo citata! Non è tra le fasi note.

Siamo convinti che sia compito del project manager, che ha una visione dall'alto, individuare le tecnologie, allargare il tavolo di lavoro di progettisti, imprese e gestori facendoli assistere dagli innovatori.